USB semplifica il branding ma reintroduce i cavi attivi
CasaCasa > Blog > USB semplifica il branding ma reintroduce i cavi attivi

USB semplifica il branding ma reintroduce i cavi attivi

May 11, 2023

Ogni volta che l'USB Implementers Forum pubblicava una nuova serie di loghi che descrivevano sempre più velocità USB, possibilità di alimentazione elettrica e parametri di visualizzazione, il risultato era un'ondata di confusione, ridicolo e rabbia... sì, rabbia. Vedere, ad esempio, "USBefuddled: Untangling the Rat's Nest of USB-C Standards and Cables" (3 dicembre 2021). Ma finalmente, USB-IF ha finalmente migliorato le cose, con un set semplificato di loghi USB!

Allo stesso tempo, però, un aspetto un po' nascosto dei cavi USB4 viene alla ribalta con l'annuncio di una prossima versione da 80 Gbps di USB4. Sì, è il ritorno a doversi preoccupare della distinzione tra cavi passivi e attivi, o no? Esploro di seguito.

Anni di moltiplicazione degli standard USB hanno portato a una proliferazione di etichette e combinazioni di marchi come quelle mostrate di seguito.

Il gruppo Thunderbolt concorrente di Intel si è persino preso gioco della profusione di etichette USB sui cavi USB-C.

Ora, almeno per i prodotti futuri, possiamo andare avanti. Con poca clamore, USB-IF ha aggiornato il suo sito USB Enabling Connections con un nuovo approccio.

Invece di costringere i consumatori a utilizzare la terminologia di controllo delle versioni come USB 3.2 Gen 2×2 o a scherzare con termini di marketing come "SuperSpeed+", USB-IF ha semplificato le cose in modo che ora sia possibile scrivere qualcosa come "USB 20Gbps". I dettagli della versione esistono ancora e hanno significato per sviluppatori e ingegneri, ma la maggior parte del marchio a livello di consumatore ora si riduce solo alle seguenti quattro etichette sulla confezione, che indicano la velocità dati massima supportata.

Dietro le quinte, ecco a cosa corrispondono quelle etichette:

Un futuro aggiornamento a USB4, annunciato dalla parte tecnica di USB-IF come "USB4 2.0", sarà quasi certamente etichettato pubblicamente come "USB 80Gbps".

Una serie simile di loghi apparirà sulle spine dei cavi. Per le due versioni USB4 più veloci attualmente, USB-IF ha creato una griglia per mostrare come apparirebbero sulla confezione (colonna di sinistra) e su porte, cavi e caricabatterie (due colonne di destra).

Man mano che le velocità dei dati USB e i nomi degli standard sono diventati più complicati, le opzioni per la ricarica sono state ridotte a solo due: 60 watt e 240 watt, con i futuri caricabatterie USB che utilizzeranno i loghi seguenti.

Non elencata è la velocità di ricarica di 100 W che è anche la potenza minima per un cavo compatibile con Thunderbolt 3 o 4. Apparentemente, un cavo necessita solo di un aggiornamento minimo per gestire 240 W, ed è logico supportare quelle nuove prestazioni massime per i prossimi dispositivi collegati tramite USB-C. I cavi da 100 W continueranno ad essere riconosciuti e ad offrire fino a quella potenza; i cavi meno costosi generalmente non destinati alla ricarica dei laptop possono invece optare per 60W.

Un portavoce di USB-IF, Joe Balich, ha scritto via e-mail che il gruppo aveva recentemente diffuso questi aggiornamenti dopo anni di cambiamenti ed espansione del marchio e dell'etichettatura. Con queste modifiche, USB-IF abbandona la sua ormai obsoleta etichetta SuperSpeed.

Balich ha affermato: "Incoraggiamo i nostri membri e i produttori in generale a seguire le nostre linee guida aggiornate sull'uso della lingua quando descrivono e commercializzano le loro soluzioni USB certificate ai consumatori generali". Il gruppo di appartenenza in sé non impone il marchio perché non ha grossi bastoni da sventolare: il gruppo è gestito da un insieme di quasi tutti i principali produttori di computer, dispositivi mobili, cavi, caricabatterie e periferiche, e non lo fanno t imporre questo tipo di regole a se stessi. Si suppone che il valore di un marketing semplice e coerente sia la sua stessa ricompensa.

Puoi vedere la vecchia etichettatura in azione su Mac Studio. Apple descrive il computer desktop come dotato di "quattro porte Thunderbolt 4", che poi definisce come in grado di supportare "Thunderbolt 4 (fino a 40 Gb/s), DisplayPort, USB 4 (fino a 40 Gb/s), USB 3.1 Gen 2 (fino a 10 Gb/s)," più "due porte USB-A (fino a 5 Gb/s)." (Il motivo di questo linguaggio così specifico? Queste porte supportano USB 3.1 Gen 2, che offre un massimo di 10 Gbps, non 3.2 Gen 2×2, che consentirebbe 20 Gbps. Per i 20 Gbps sarebbe stato necessario un controller leggermente diverso variante di USB 3.x.)